Caldaia A Condensazione Scarico Fumi A Parete

Caldaia A Condensazione Scarico Fumi A Parete caldaia a condensazione scarico fumi a parete

Ok all'espulsione dei fumi a parete, con l'asseverazione del tecnico. Se acquisti una caldaia a gas a condensazione con basse emissioni NOx. > a scaricare dei fumi di combustione di una caldaia a parete non è mai la composti almeno da una caldaia a condensazione a gas e da una. Devo installare in un condominio una caldaia a condensazione: scaricare i fumi a parete è una cosa fattibile?” chiede un lettore di GT. Scarico fumi a parete o canna fumaria a tetto? Normativa e deroghe. Mettiamo le cose in chiaro: Dal , con la legge 90, tutti gli scarichi dei. La caldaia "sembra" essere a condensazione e lo scarico si trova attaccato I terminali di scarico fumi a parete dovranno essere posizionati.

Nome: caldaia a condensazione scarico fumi a parete
Formato:Fichier D’archive
Sistemi operativi: Android. iOS. MacOS. Windows XP/7/10.
Licenza:Gratuito (* Per uso personale)
Dimensione del file: 55.29 Megabytes

L'amministratore ci obbliga a sostituire la caldaia con una nuova di uguale tipo ma noi vorremmo metterne una a condensazione. Possiamo far installare la caldaia a condensazione nella canna fumaria esistente?

La normativa impone di installare caldaie a condensazione e deroga lo scarico a parete qualora la sua canna fumaria non sia idonea ai fumi umidi. Naturalmente bisogna fare un esame approfondito in loco e verificare che le distanze minime da balconi e finestre vengano rispettate.

È regolare?

L'oggetto del contendere.

Progettazione, installazione e messa in servizio" che ne vieta l'installazione in monolocale. Prima di procedere alla sua installazione e collegare l'impianto di scarico fumi alla canna fumaria collettiva dell'intero condominio, l'amministratore affida ad una società di risanamento e installazione canne fumarie, l'incarico di eseguire video ispezioni per verificarne lo stato e le condizioni di esercizio e approntare una relazione tecnica. A seguito di questa, si evidenziano diverse irregolarità: alla canna fumaria collettiva ramificata [1] , sono collegati gli impianti di scarico di caldaie di tipo B e di tipo C, normativamente incompatibili fra loro per convogliare le immissioni nella medesima canna; dunque si conclude che la canna collettiva non è a norma e andrebbero eseguiti interventi di risanamento.

Nonostante le rimostranze del condomino proprietario dell'appartamento soprastante che lamentava l'emissione di fumi dannosi e l'ordinanza comunale che richiedeva la messa a norma dello scarico a parete del singolo proprietario perché ritenuto non conforme all'art.

Il mondo del web visto da questo blog

Vincenzo Sul fatto che sia in Eternit, se in buone condizioni non ha problema. Per la canna ha bisogno del calcolo.

Possiamo scaricare fumi a parete secondo la normativa e deroghe in vigore in quanto la canna fumaria esistente non è idonea? Grazie in anticipo per il suo gentile consiglio.

Rispondi Rispondi con citazione Citazione Giuseppe Buongiorno, abito in un piccolo condominio.

Canna fumaria: normativa scarico caldaia a condensazione, pellet in esterno 2020

Il condomino che abita sulla porzione di testa ha da sempre costruzione del un camino sopra il tetto antistante la sua abitazione; il camino è collocato a un livello inferiore rispetto alle finestre del mio sottotetto, a circa metri di distanza; di recente ha installato una stufa a legna con sbocco sul predetto camino; la stufa è in funzione ed emette fumi praticamente tutto il giorno, impedendo di fatto di aprire le finestre per l'aerazione e comunque penetrando per il tramite dei fori di aerazione nel bagno dove è presente la mia caldaia.

Ritiene che possa giudicarsi a norma uno scarico siffatto? La ringrazio Madera ing. Vincenzo Chiami i vigili e risolve il problema..

Abito sopra ad una pizzeria che avendo già un forno a legna con regolare canna fumaria con sbocco sopra al tetto dello stabile, ha appena installato un secondo forno a gas per il quale ha predisposto solamente una piccola canna fumaria con sbocco sopra a una tettoia di legno che è collocata esattamente sotto alle mie finestre.. Quindi in pratica mi trovo la canna fumaria del forno posizionata a pochi metri dalle mie finestre..

Caldaie: distanze minime da balconi e finestre dello scarico fumi

Grazie per l'attenzione e cordiali saluti. Lucia Madera ing. Vincenzo Non è a norma, saluti Rispondi Rispondi con citazione Citazione ciro Spero di avere una risposta: 4 condomini con ognuno il proprio tubo di scarico in un unico camino che sbuca sul tetto.

La canna fumaria oggi contiene 4 tubi distinti, visto che siamo 4 condomini nella stessa ala, altrettanti 4 condomini nell'altra ala hanno la loro canna fumaria con il proprio camino e altrettanti 4 tubi distinti all'interno di esso.

Rispondi Rispondi con citazione Citazione Marco razzano Sono in causa con chi mi ha montato la caldaia. Rispondi Rispondi con citazione Citazione Marco razzano La prego di rispondermi perché ho un grosso problema di muffa causato dall'evacuazione fumi di questa caldaia che per il momento è con un '' fungo'' tradizionale a termine sotto tetto Madera ing, Vincenzo Dipende da che tipo di scarico era presente nel cavedio Marco razzano Buongiorno ingegnere.

Io ho sostituito la vecchia caldaia a camera aperta con una a camera stagna posso attaccare l'evacuazione fumi alla canna fumaria condominiale? Luigi Egregio Vincenzo, ho ristrutturato un appart in centro citta' Verona piano terra su 5. In pratica: Dopo il 31 Agosto lo scarico di tutti i nuovi impianti termici deve andare a tetto tramite apposite canne fumarie sia che si tratti di edifici mono che plurifamiliari.

Il posizionamento del terminale deve effettuarsi secondo le norme UNI parte 3. Sostituzione di un apparecchio a camera aperta e tiraggio naturale, che scarica in una canna fumaria collettiva ramificata es.

In relazione: Scarico dei fumi

In abitazioni dove lo scarico a tetto è incompatibile con le norme di tutela dell'edificio es. Il progettista abilitato attesta l'impossibilità di scaricare a tetto. Montaggio di apparecchi a condensazione, nell'ambito di ristrutturazioni di impianti termoautonomi esistenti in condomini o abitazioni plurifamiliari, qualora l'installazione precedente non disponesse di camini, canne fumarie o altri sistemi di evacuazione dei fumi con sbocco sopra il tetto dell'edificio.

Installazione di generatori ibridi compatti, composti almeno da una caldaia a gas a condensazione e da una pompa di calore forniti di apposita certificazione di prodotto.