Gestione Carico Scarico Magazzino

Gestione Carico Scarico Magazzino gestione carico scarico magazzino

In questa guida spieghiamo come usare Excel per gestire un magazzino, specificatamente nel carico e scarico merce. La cartella di lavoro è. Fatture di acquisto e vendita: necessarie, aldilà del loro valore fiscale, per tutti i conteggi e le operazioni di carico e scarico dei prodotti a magazzino. Nel caso di​. Gestione di magazzino: movimenti, vita e spostamenti dei beni, registro di carico e scarico, DDT. Leggi la Guida Danea ai movimenti di. Gestione Magazzino Excel permette di gestire il proprio magazzino con un semplicissimo foglio Excel. Scarica Storico di tutti i movimenti di carico e scarico. È un foglio excel utile con cui si può gestire un piccolo magazzino, è strutturato, prodotti a magazzino;; Movimenti riporta i movimenti di carico e scarico, fare valutazioni sulle giacenze, sui margini e la gestione dei riordini.

Nome: gestione carico scarico magazzino
Formato:Fichier D’archive
Sistemi operativi: MacOS. iOS. Windows XP/7/10. Android.
Licenza:Gratuito (* Per uso personale)
Dimensione del file: 62.36 MB

Ricorda sempre che il DDT deve riportare una serie specifica di dati e, nel caso di cessione di beni, deve essere poi seguito dalla fattura che deve essere fatta entro il giorno 15 del mese successivo a quello di effettiva consegna della merce e se, nel mese di riferimento, hai vari DDT per un medesimo cliente, uniscili in unica fattura riepilogativa eventualmente allegandoli. Se poi vuoi informazioni più dettagliate le puoi trovare nella nostra Guida alle Fatture alla voce dedicata al DDT.

Fatture di acquisto e vendita: necessarie, aldilà del loro valore fiscale, per tutti i conteggi e le operazioni di carico e scarico dei prodotti a magazzino. Inventario: importante tenere una lista aggiornata di tutti i prodotti in magazzino e del loro valore, utile inoltre a tenere sotto controllo la situazione delle scorte. Ordini o comande: banale potrai pensare, ma perdere un cliente perchè si ha una gestione superficiale degli ordini o delle comande non è mai bello.

Coordina arrivi e partenze della merce dal e al magazzino, in modo che ciascuna attività scorra senza problemi.

Se poi vuoi informazioni più dettagliate le puoi trovare nella nostra Guida alle Fatture alla voce dedicata al DDT. Fatture di acquisto e vendita: necessarie, aldilà del loro valore fiscale, per tutti i conteggi e le operazioni di carico e scarico dei prodotti a magazzino.

Magazzino Pro Carico e Scarico

Inventario: importante tenere una lista aggiornata di tutti i prodotti in magazzino e del loro valore, utile inoltre a tenere sotto controllo la situazione delle scorte. Ordini o comande: banale potrai pensare, ma perdere un cliente perchè si ha una gestione superficiale degli ordini o delle comande non è mai bello.

Coordina arrivi e partenze della merce dal e al magazzino, in modo che ciascuna attività scorra senza problemi. Se hai abbastanza spazio dividi le due aree di arrivo e partenza. Anche i corrieri si troveranno meglio. Prendi in considerazione anche i turni o le attività del personale addetto! Merce danneggiata o mancante: assicurati che tutti sappiano cosa fare.

Nel momento in cui selezioni il personale ricordati di far partecipare ai colloqui e al processo di selezione anche il supervisore o comunque il responsabile del settore interessato.

Offerte di Lavoro Carico Scarico Magazzino in Puglia

Sicurezza del Magazzino La prima cosa da fare per avere un magazzino sicuro è tenerlo sempre pulito, ordinato e organizzato. Le zone di transito devono sempre essere mantenute sgombre da imballaggi, detriti, macchinari per la movimentazione e altri ostacoli che possano provocare incidenti.

Fondamentale, nonchè obbligatorio, è implementare un corso per la sicurezza che soddisfi le necessità del caso specifico. Tutti gli addetti devono essere formati prima di cominciare a lavorare. Consulta specialisti della sicurezza per sapere quali adempimenti devi eseguire e in quale modo.

Ricorda di disporre regolamenti per la sicurezza.

Guarda questo: Scarico dei fumi

Assicurati quindi che vengano utilizzate le dovute protezioni, che i dipendenti stiano seguendo tutte le disposizioni e mai e poi mai fare eccezioni.

Prevenire è meglio che curare. Fai tutto il possibile per limitare gli incidenti.

Gli incidenti si verificheranno a prescindere da quanta prevenzione tu possa fare, chi vive la realtà imprenditoriale da qualche tempo lo sa bene, quindi: Pianifica revisione e manutenzione periodica di veicoli, macchinari, attrezzature.

Assicurati che tutte le misure per la sicurezza, dalle luci, ai sensori della retromarcia dei veicoli e i segnalatori acustici funzionino correttamente.

Segnala tutti i malfunzionamenti dei veicoli e delle attrezzature ai dipendenti e provvedi tempestivamente alle riparazioni necessarie. Supervisiona le riparazioni e fai dei test di verifica prima di reintrodurre lo strumento in magazzino. Controlla gli imballaggi per eventuali danni, è importante sapere come vanno stoccate le merci per garantirne la stabilità.

Registra le date delle ispezioni e ogni danno riscontrato.

Incontra con regolarità il personale chiave, responsabili di inventario di magazzino, stoccaggio e acquisti, al fine di confrontarsi su problemi e o necessità relative. Sapere è potere! Un primo consiglio è cercare di limitare i prodotti che hanno bassa rotazione e renderli disponibili solo su ordinazione.

Poi è bene mettere vicini alle partenze i prodotti con alta rotazione e lasciare nei posti meno accessibili gli articoli con meno rotazione. Per prima cosa si possono usare le etichette per dividere corsie e scaffali. In alternativa, è il caso di crearne subito una: attività molto facile se il gestionale di magazzino lo prevede.

Quando arriva un nuovo articolo, questo verrà codificato nel gestionale e verrà battezzato con un numero di articolo.

Gestione del magazzino: dal carico e scarico al movimento merci. La guida Danea

Generalmente ogni corriere ha un suo proprio sistema per etichettare le spedizioni. Best practice e consigli per la gestione logistica e di magazzino Una buona gestione di magazzino passa anche da una serie di routine e scelte tecniche semplici ma troppo spesso dimenticate. Di seguito una serie di best-practice e consigli per migliorare la gestione del magazzino e della logistica aziendale. In calce alla schermata è riportato l'ammontare del capitale complessivo in magazzino che si ottiene sommando il valore di tutti gli articoli merceologici.

Il pulsante Stampa inventario permette di ottenere su carta l'elenco della merce visualizzata in quel momento con l'indicazione in calce del valore complessivo. Nell'archivio anagrafico è possibile annotare il codice identificativo del cliente, la categoria, l'indirizzo di residenza, la zona di appartenenza, i recapiti telefonici di casa, ufficio, cellulare e fax, l'indirizzo e-mail, il recapito preferenziale dove il cliente desidera essere contattato, il codice fiscale, il numero di partita IVA, gli estremi di un documento di riconoscimento, il numero di carta di credito con relativa data di scadenza, l'IBAN bancario, i prodotti e servizi di interesse nonché le modalità di pagamento.

La scheda del cliente consente, inoltre, di registrare i dati relativi ad un eventuale acquisto rateale indicando la data in cui deve essere pagata la prossima rata per poter avvisare il cliente all'approssimarsi della scadenza. Con un solo clic si potrà visualizzare e stampare l'elenco di tutte le rate in scadenza o già scadute. E' possibile abbinare una cartella a ciascuna scheda in cui conservare un numero illimitato di documenti riferiti al cliente.

Esiste anche la funzione Allega file che consente di associare alla scheda tre file esterni descrivendone il contenuto in apposite caselle. Per inserire una nuova scheda, è sufficiente fare clic sul pulsante Nuovo, compilare i campi di testo che interessano e premere Salva. Si tenga presente che alcuni campi sono a compilazione obbligatoria.

Appositi pulsanti consentono di controllare la validità del codice fiscale del cliente, del numero di carta di credito, dell'IBAN bancario e del numero di partita IVA. Se il numero di partita IVA è esatto, il software indicherà quale Ufficio provinciale lo ha rilasciato.

Magazzinieri e personale addetto

Il campo E-mail è affiancato da un pulsante che permette di lanciare l'applicazione presente sul proprio computer per la gestione della posta elettronica compilando in automatico la casella dell'indirizzo del destinatario.

Il pulsante Trova consente di effettuare ricerche avanzate in archivio funzionanti anche con chiave parziale, ossia indicando una o più parole consecutive contenute nei campi di testo. Per ogni ricerca è possibile utilizzare uno o più filtri contemporaneamente.

I risultati di ciascuna ricerca possono essere stampati. In questo archivio è possibile annotare la denominazione della ditta fornitrice, il nome del titolare o responsabile, l'indirizzo dell'azienda, le modalità di pagamento concordate, i recapiti telefonici di casa, ufficio, cellulare e fax, l'indirizzo e-mail, il recapito preferenziale dove il fornitore desidera essere contattato, il codice fiscale, il numero di partita IVA, il numero di carta di credito con relativa data di scadenza e l'IBAN bancario.

Le schede dei fornitori consentono, inoltre, di registrare le informazioni relative agli articoli che si acquistano abitualmente da ognuno di loro, gli sconti praticati e le modalità di ordine merce.

Il pulsante Duplica è utile se si ha bisogno di registrare due o più schede relative allo stesso fornitore perché, ad esempio, lo stesso fornisce più tipi di prodotti e si vuole creare una scheda per ciascuno di essi.

In questo modo, si potrà richiamare in maniera opportuna la scheda relativa ad un certo prodotto abbinato al fornitore in fase di compilazione delle schede del Magazzino.

Per duplicare la scheda di un fornitore, basta visualizzare quella già registrata in archivio, fare clic sul pulsante Duplica, inserire i nuovi dati e premere Salva. Se esistono importanti questioni in sospeso con il fornitore, è possibile prenderne nota nel relativo campo di testo. Mettendo il segno di spunta sulla casella Da ricontattare, si inserisce la scheda in un elenco contenente tutti i fornitori con questioni in sospeso che vogliono essere richiamati, ad esempio, nel momento in cui il problema è stato risolto o quando ci sono novità.

Per visualizzare tale elenco, basta fare clic sul pulsante Da ricontattare. Per trovare le schede dei fornitori in archivio è possibile utilizzare uno o più filtri di ricerca contemporaneamente. La funzione Allega file consente di abbinare alla scheda di ciascun fornitore fino a tre file di qualsiasi genere che potrebbero contenere, ad esempio, la copia digitale del listino degli articoli forniti.

A tal fine, è sufficiente che nel proprio computer sia installata una qualsiasi applicazione per la gestione dei file in formato. Per il primo accesso al programma e dopo ogni installazione, bisogna utilizzare la parola chiave "autenticazione" scritta senza le virgolette. L'acquisto di una singola licenza autorizza l'utente ad installare il software su tutte le macchine di sua proprietà.

A tal fine, basta copiare la cartella del programma su pen-drive e fare doppio clic sull'icona dell'applicazione per eseguirla.

La copia della cartella su dispositivo esterno è anche il metodo più veloce per effettuare il backup di tutti gli archivi. L'utente resterà piacevolmente sorpreso nel constatare come il software richieda tempi di apprendimento praticamente nulli.

Crea articoli con l’aiuto del web

Come acquistare il software Magazzino Pro Carico e Scarico 2. Nessuna spesa di spedizione è dovuta se si preferisce scaricare il software e la fattura da Internet. Indicare il nome del software nella causale del bonifico. Inviare una e-mail all'autore all'indirizzo info espositosoftware. Per l'intestazione della fattura, comunicare i propri dati completi di codice fiscale, partita IVA, indirizzo PEC o Codice Destinatario di sette cifre.

Se si acquista come utente privato, è sufficiente comunicare cognome e nome, indirizzo di residenza e codice fiscale.