Scaricare Catarro Dal Naso

Scaricare Catarro Dal Naso  catarro dal naso

Rimedi per il Naso Chiuso: cosa fare e cosa non fare, cosa mangiare, che farmaci assumere, come prevenire il Naso Chiuso, come curarlo. Quando la congestione e la pressione sono causate dal raffreddore o dall' influenza, . Il vapore aiuta a sciogliere il muco presente nel petto, nel naso e in gola. L'aria secca irrita il naso e la gola, causando la formazione di Le allergie stagionali portano spesso ad avere il naso intasato dal muco. Il naso chiuso può essere sintomo di diversi problemi e, a seconda del caso, le narici o verso a parte posteriore del naso sotto forma di catarro), Le membrane nasali sono raggiunte da una gran quantità di arterie, vene e. Sarà capitato certamente a tutti di soffrire di catarro e probabilmente più di i fastidi provocati dalla persistente presenza di catarro in gola o nel naso. alleviare il disagio causato da un colpo di tosse e nello stesso modo.

Nome: catarro dal naso
Formato:Fichier D’archive
Sistemi operativi: Android. iOS. MacOS. Windows XP/7/10.
Licenza:Gratuito (* Per uso personale)
Dimensione del file: 64.83 MB

Confessatelo : ogni volta che sentite che il vostro cucciolo ha il naso chiuso vi sentite male. Il naso chiuso è fastidioso già per noi adulti , figuriamoci in un esserino di pochi mesi o settimane. Dolorosa e più difficile da curare. Tanto vale quindi armarsi di santa pazienza e autocontrollo e cercare di liberare questo benedetto naso chiuso.

Vediamo come.

E come risolverlo? Le nostre vie respiratorie sono spesso descritte come un albero; un albero le cui radici si trovano a livello del naso e della bocca e la cui chioma arriva fin giù nei polmoni. Ma vediamo cosa succede quando arrivano degli ospiti indesiderati. In entrambi i casi il bambino avrà probabilmente la tosse e spesso anche la febbre.

Come prima cosa non tutti i tipi di tosse sono uguali. A volte questa tosse peggiora quando il bambino si sdraia, ma difficilmente crea affanno o difficoltà a respirare. In ogni caso la tosse, di per sé, difficilmente ci aiuta a capire cosa sta succedendo. Quindi, che fare? Non bisogna farsi prendere dal panico, ma distinguere i sintomi da considerare urgenti, e che richiedono una visita immediata, da quelli che possono anche attendere.

La maggior parte delle infezioni delle vie respiratorie è causata da virus e non necessita di terapia antibiotica. È dimostrato che un bel cucchiaio di miele lenisce la tosse più di qualsiasi sciroppo. Il tutto comincia con un banale raffreddore e poi il piccolo inizia a non poppare più e a respirare a fatica muovendo la pancia in su e in giù. È difficile che il genitore non se ne accorga, perché il bambino sarà molto affaticato anche se non sempre avrà la febbre.

Virus e batteri all’attacco

Spesso, inoltre, è necessario il ricovero, perché il bambino ha bisogno di essere aiutato a respirare attraverso la somministrazione di ossigeno. Bronchiti e polmoniti sembrano malattie di altri tempi, e prima della scoperta degli antibiotici erano spesso mortali.

Oggi, nella maggioranza dei casi, si tratta di malattie che, se diagnosticate in tempo e adeguatamente curate, si risolvono in modo rapido e senza lasciare esiti. È una parte naturale delle difese dell'organismo, ma a volte se ne produce in quantità eccessiva. Il modo migliore per liberarsi di una quantità eccessiva di muco nei passaggi nasali consiste nel definirne la causa e trattare il problema sottostante.

I fattori più comuni responsabili di questo disturbo sono le reazioni allergiche, le riniti non allergiche, le infezioni e alcune anomalie strutturali. Per liberarti del muco, prova a tendere una compressa calda contro il viso, cosa che aiuta a farlo sciogliere e quindi a liberare i seni paranasali. Puoi anche far bollire dell'acqua e avvicinare il viso alla pentola per qualche minuto, in modo che il vapore faccia sciogliere il muco.

In alternativa, bevi una tazza di tè o un'altra bevanda calda, cose che aiutano a combattere la congestione. Oppure, puoi liberare i seni paranasali dal muco usando un neti lota e una soluzione salina. Continua a leggere se vuoi ricevere ulteriori consigli dal nostro co-autore medico, per esempio su come liberarti del muco usando un medicinale da banco!

Questo articolo è stato scritto in collaborazione con Chris M. Matsko, MD.

Gli articoli più visti

Il Dottor Matsko è un Medico in pensione che vive in Pennsylvania. Si è laureato presso la Temple University School of Medicine nel Categorie: Vie Respiratorie. Ci sono 34 riferimenti citati in questo articolo, che puoi trovare in fondo alla pagina. Metodo 1. Vai dal medico, se mostri segni di infezione. Se hai continui problemi di muco e congestione nasale, è possibile che i batteri si siano accumulati nei seni nasali e che si sia sviluppata un'infezione sinusite.

Se hai anche la febbre, si tratta sicuramente di sinusite. Controlla i cambiamenti nell'aspetto del muco. Se passa da un colore trasparente a uno verdastro, giallastro o diventa maleodorante, potrebbe trattarsi di un'infezione batterica all'interno dei passaggi nasali che diventa sinusite.

Quando queste cavità iniziano a ostruirsi e congestionarsi, il muco che viene prodotto normalmente rimane intrappolato — e con lui i batteri presenti. Se la congestione e la pressione non si riducono, i batteri possono portare a sinusite. Quando la congestione e la pressione sono causate dal raffreddore o dall'influenza, la sinusite è di natura virale.

Gli antibiotici sono inefficaci contro un'infezione causata da virus. Prendi gli antibiotici come ti vengono prescritti. Se il medico stabilisce che hai sviluppato una sinusite batterica, ti prescriverà questa classe di farmaci.

Devi assicurarti di assumerli esattamente secondo le sue istruzioni e per tutta la durata della cura. Sappi che alcuni medici a volte possono prescrivere gli antibiotici prima di conoscere i risultati degli esami che determinano l'origine dell'infezione.

Se i sintomi persistono anche dopo aver concluso la cura antibiotica, informane il medico. Probabilmente ti sottoporrà a un secondo ciclo, oppure ti prescriverà antibiotici diversi.

Catarro persistente: cause e rimedi

Se manifesti spesso una produzione eccessiva di muco, dovresti valutare con il dottore se eseguire dei test allergologici o se prendere altre misure preventive. Cerca cure mediche se i problemi persistono. A volte il muco si forma in quantità eccessive a fasi alterne nonostante i trattamenti.

Probabilmente dovrai sottoporti a diversi esami e accertamenti per stabilire se hai delle allergie ad alcuni elementi con cui entri in contatto a casa o al lavoro. Inoltre, potresti avere sviluppato dei polipi o altri cambiamenti strutturali nelle cavità nasali che contribuiscono al tuo problema persistente. Informati in merito alle alterazioni strutturali.

Quelle più comuni che possono portare a una produzione eccessiva di muco sono i polipi nasali. Quando sono più grandi possono bloccare le vie aeree delle cavità sinusali e causare irritazione, che a sua volta induce a una maggiore produzione di muco.

Sono possibili anche altre anomalie strutturali, come la deviazione del setto nasale o un ingrossamento delle adenoidi, ma generalmente non influiscono sulla quantità di muco presente. Altri fattori responsabili sono le lesioni nel naso o nell'area circostante, che a volte possono causare sintomi come la produzione di muco.

Potrebbe piacerti: Affitto dal 730 scaricare

Rivolgiti al medico se hai subito di recente un trauma al viso o al naso. Metodo 2. Usa un neti pot. Si tratta di uno strumento, detto anche neti lota, che assomiglia a una piccola teiera.

Se usato correttamente permette di espellere il muco e gli agenti irritanti bloccati nei passaggi nasali e di umidificare le narici. Riempi il dispositivo con circa ml di soluzione salina, quindi mettiti sopra un lavandino, piega la testa da un lato e inserisci il beccuccio nella narice superiore.

Inclina il neti pot per versare il liquido in una narice e lascia che questo esca dall'altra.

Ripeti la procedura, ma questa volta versando la soluzione nella narice opposta. Tale processo è chiamato irrigazione nasale, dato che fai scorrere il liquido nei passaggi nasali sbarazzandoti del muco e degli irritanti che ne stimolano la produzione. Puoi usare lo strumento una o due volte al giorno. L'uso del neti pot permette di umidificare il naso e ridurre i sintomi della sinusite.

Rimedi Naso Chiuso

Puoi acquistare lo strumento in farmacia o nei negozi di prodotti naturali a un prezzo abbordabile. Assicurati di pulirlo accuratamente dopo l'uso. Prepara tu stesso la soluzione salina. Se scegli di farla in casa, usa acqua distillata o sterilizzata. Non usare quella del rubinetto senza trattarla, perché contiene agenti contaminanti e irritanti. Prendi ml di acqua, aggiungi un pizzico di sale marino e altrettanto di bicarbonato di sodio.

Come sciogliere il catarro

Non usare il normale sale da tavola. Mescola accuratamente prima di usare la soluzione con il neti pot. Puoi conservare la miscela fino a cinque giorni tenendola in un contenitore sigillato, meglio se in frigorifero.

Prima di usarla aspetta che torni a temperatura ambiente. Applica un impacco caldo sul viso. Il calore fornisce sollievo dal dolore dovuto alla pressione dei seni nasali e aiuta a sciogliere il muco facendolo uscire più facilmente.

Solitamente il panno dovrebbe coprire gli occhi, la zona appena sopra le sopracciglia, il naso e le guance appena sotto gli occhi. Scalda il panno ogni pochi minuti e riapplicalo per ottenere un sollievo continuo dal dolore e dalla pressione. Dormi con la testa sollevata. In questo modo puoi facilitare il drenaggio del muco dai seni nasali durante la notte ed evitare che si accumuli.

Tosse? Febbre? Che fare?

Mantieni umido l'ambiente in cui vivi. Se i passaggi nasali secchi provocano disagio, irritazione e fuoriuscita di muco, dovresti considerare la possibilità di procurarti un umidificatore da mettere in casa. Potrebbero essere un'alternativa all'uso dell'umidificatore oppure un rimedio in più. Esistono altri modi semplici per ottenere aria più umida in casa, anche se per poco tempo; per esempio, puoi far bollire una pentola d'acqua sul fuoco, lasciare aperta la porta del bagno quando fai la doccia, far scorrere l'acqua calda dal rubinetto o anche stendere in casa il bucato.

Sfrutta le proprietà del vapore. Il vapore aiuta a sciogliere il muco presente nel petto, nel naso e in gola, in modo che venga espulso più facilmente. Per ottenere risultati migliori copri la testa con un panno in modo da inspirare una quantità maggiore di vapore. Se lo desideri, puoi anche fare una doccia molto calda per favorire lo scioglimento del muco. Evita gli irritanti. Se ti esponi agli agenti irritanti come il fumo , a uno sbalzo improvviso di temperatura o agli odori forti di alcune sostanze chimiche, puoi stimolare una maggiore produzione di muco.

A volte il muco si sposta verso la parte posteriore della gola, provocando il gocciolamento retronasale, mentre altre volte gli irritanti possono indurre a una produzione di muco a livello polmonare, causando il catarro. In questo caso potresti sentire il bisogno di tossire per espettorare. Cerca anche di non esporti al fumo passivo di sigarette e sigari. Esistono altri agenti inquinanti che, se respirati, possono provocare problemi alle vie aeree.

Presta attenzione alla polvere, al pelo di animali, ai lieviti e alle muffe, sia in casa sia nell'ambiente di lavoro. Inoltre i gas di scarico, le sostanze chimiche usate al lavoro e anche lo smog possono scatenare un episodio di produzione di muco causato da fattori non allergici. In questo caso, si tratta di rinite non allergica. Proteggi i passaggi nasali dai cambiamenti improvvisi di temperatura.

Indossa un berretto per riparare la testa e valuta di mettere una protezione anche sul viso, come una maschera da sci. Soffia il naso. Soffialo in modo delicato ma corretto.